ⓘ ऑडी टीटी - Wiki ..

                                     

ⓘ ऑडी टीटी

Dal 1999, sono state prodotte alcune versioni speciali dellAudi TT dette S-line riconoscibili perché presentavano un logo distintivo di forma "trapezoidale", di colore rosso e argento, sulla base del volante. Le versioni speciali rappresentavano vetture al top di gamma e, di regola, montavano accessori non previsti per le vetture di tipo standard.

Degna di nota la versione speciale "Sport-Line", venduta da gennaio 2000, che riscosse un notevole successo grazie alla presenza dellassetto ribassato S-Line e della barra "Sport Duomi" di colore "nero Audi" facilmente individuabile sotto il cofano motore. Questa versione costava, in partenza, quasi 7.000 € in più, se paragonata a una versione di "base".

                                     

1. Seconda serie

Il primo annuncio di Audi riguardo alla nuova versione della TT Audi TT Mark2, o Audi TT Mk2 risale allagosto 2004, mentre la concept che rivelerà gran parte delle linee del futuro modello, la Shooting Brake, non verrà esposta prima dellottobre 2005, al Tokyo Motor Show.

Presentata ufficialmente il 6 aprile 2006, la nuova TT ha un particolare telaio, con lanteriore in alluminio e il posteriore in acciaio, in modo da avere un miglior bilanciamento dei pesi. Questo ha consentito di rispettare maggiormente il pedone in caso di urto e mantenere il peso della vettura pressoché invariato rispetto a quello della precedente versione, nonostante la seconda versione monti un meccanismo che permette di far salire meccanicamente lalettone posteriore a velocità superiori ai 120 km/h e di farlo abbassare non appena la vettura scende sotto gli 80 km/h.

Unaltra novità di questo nuovo modello sono le sospensioni adattive, denominate Audi Magnetic Ride. Ancora una volta su base Golf, sebbene questa volta sia la quinta serie a fornire i componenti comuni, la TT Mk2 è venduta in due motorizzazioni: 2.0 TFSI a iniezione diretta e turbocompresso da 200 CV, lo stesso propulsore della Golf GTI, abbinato sia alla trazione anteriore sia a quella integrale, e il 3.2 FSI a iniezione diretta aspirato da 250 CV, usato anche per la precedente generazione, disponibile solo con la trazione integrale. Rispetto al modello precedente le prestazioni sono complessivamente migliorate non solo per ladozione di motori a iniezione diretta di benzina, ma anche grazie al contributo dellalluminio per la realizzazione del telaio. I cambi disponibili sono un manuale a sei rapporti e, in opzione, uno automatico-sequenziale a doppia frizione denominato S-Tronic.

                                     

1.1. Seconda serie Versioni

È disponibile in due versioni: la versione coupé, una 2+2 i cui sedili posteriori sono riservati a passeggeri alti meno di 165 cm, e la versione roadster, 2 posti secchi, che è stata presentata nel mese di dicembre del 2006. Si basa sulla stessa meccanica del coupé ed è dotata di un tetto in tela come da tradizione, mentre il peso è leggermente più alto a causa dei rinforzi sul telaio necessari a compensare la minor rigidità torsionale causata alla mancanza del tetto in metallo. La versione coupé si apprezza più della versione roadster per la silenziosità e il comfort di marcia. La roadster sconta inoltre un bagagliaio di dimensioni più ridotte rispetto alla versione coupé e limpossibilità di poter ospitare altri due passeggeri.

Nel 2007 è stata presentata una concept della TT denominata Clubsport Quattro. Questa implementava ritrovati tecnologici derivati dal mondo delle competizioni e aveva una configurazione di tipo barchetta. Sono state aggiunte numerose prese dellaria supplementari per migliorare il raffreddamento dellunità propulsiva costituita da un 2.0 TFSI da 300 CV di potenza. Questultimo è gestito da un cambio a sei marce a doppia frizione. Limpianto luci sfrutta il sistema LED. Il terminale di scarico era in acciaio inox e sono state eliminate le maniglie delle porte daccesso per migliorare laerodinamicità della vettura. Erano installati cerchi da 20" avvolti in pneumatici in misura 265/30. Negli interni erano presenti sedili sportivi con cinture a quattro punti e numerosi inserti in alluminio per contenere il peso complessivo. I freni sono a disco in ceramica.

A settembre 2008, è stata prodotta una versione speciale di questauto denominata TTS. Tale versione, prodotta sia in variante coupé sia roadster, è dotata di un motore 2.0 TFSI da 272 CV capace di far accelerare lauto da 0 a 100 km/h in soli 5.2 secondi versione coupé con cambio automatico e farle raggiungere la velocità massima di 250 km/h limitata elettronicamente. Questo propulsore è il prodotto dellelaborazione del 2.0 TFSI "standard", che rappresenta un ottimo connubio delle due tecnologie Audi introdotte con la TT Mark1 iniezione diretta di benzina e della sovralimentazione turbo. Questo motore da due litri a quattro cilindri, vince da quattro anni consecutivi, cioè dal 2005, il titolo di "Motore dellAnno". Non si tratta solo della potenza elevata che viene erogata a rendere speciale il TFSI, ma contribuisce anche la coppia e il rendimento consumi relativamente ridotti. Il cambio adottato è a doppia frizione S-tronic, che permette cambi di marcia molto veloci. Le modifiche estetiche, rispetto alle altre versioni, consistono nella single frame e negli specchietti cromati, caratteristiche esclusive delle Audi "S", e nelladozione di quattro scarichi posteriori due affiancati per lato; cambiano leggermente anche i fari anteriori, che adottano LED di posizione.

Sempre dal secondo semestre del 2008 viene prodotta una versione con un turbodiesel 2.0 TDI da 170 CV sia per le versioni Coupé sia Roadster. Con tale motore lauto vanta velocità di punta di 230 km/h, consumo medio di 5.2 litri/100 km e accelerazione 0-100 km/h in 7 secondi.

Al salone di Ginevra 2009 è stato presentato il modello di punta: la versione RS, con un vistoso alettone posteriore, dotata di un inedito propulsore 5 cilindri di 2.5 litri in grado di erogare 340 CV di potenza per una velocità massima di 280 km/h e una scatto da 0 a 100 km/h in 4.6 secondi. Tali prestazioni sono frutto anche del buon rapporto peso/potenza: 4.3 kg/CV per il modello coupé e 4.4 kg/CV per il modello roadster.

Nel 2012 ne è stata realizzata la versione Plus, la quale era dotata di un propulsore TSFI 2.5 potenziato a 360 CV che era in grado di portare la vettura alla velocità massima di 280 km/h, con accelerazione da 0 a 100 km/h in 4.2 secondi. La coppia era stata incrementata a 465 Nm. Per la gestione del propulsore erano disponibili un cambio manuale a sei marce e il modello S-Tronic a sette rapporti. La frizione è doppia mentre la trazione è integrale. Limpianto frenante è costituito da freni a disco forati gestiti da quattro pistoncini. Per diminuire il peso complessivo, i cerchi da 19" sono stati realizzati in lega.

                                     

1.2. Seconda serie Attività sportiva

Della TT RS fu realizzata una versione da competizione dalla Raeder Motorsport in collaborazione con lAudi per partecipare alle ultime prove del Veranstaltergemeinschaft Langstreckenpokal Nürburgring del 2010. La meccanica rimaneva grosso modo invariata rispetto al modello stradale, mentre erano stati aggiunti tutti i sistemi di sicurezza FIA ed erano stati installati nuovi componenti aerodinamici per migliorare laerodinamica della vettura. Pilotata dai piloti Marc Hennerici, Christopher Mies e Christoph Breuer, la vettura ottenne la vittoria nella classe SP 4T.

Successivamente, è stata presentata una concept per uneventuale versione per il campionato FIA GT4. Come propulsore venne scelto un TFSI da 340 CV di potenza, mentre componenti aerodinamiche erano derivate dalla TT RS. Molte di queste componenti erano state realizzate in CFRP, mentre i finestrini erano in plastica. Il cambio era un S-tronic con bloccaggio del differenziale. La presentazione ufficiale della vettura avvenne al GP di Shanghai del DTM, dove il pilota Frank Biela percorse alcuni giri di pista dimostrativi.



                                     

2. Terza serie

LAudi TT di terza serie è stata presentata in anteprima in forma di prototipo con l Audi Allroad Shooting Brake Concept, mostrato al Salone di Detroit nel 2014, che ne ha prefigurato alcune le linee e alcuni dettagli esterni come i fari e la mascherina anteriore e interni.

Audi ha rivelato la terza generazione TT al Salone di Ginevra del 2014. Questo modello utilizza la piattaforma modulare del Gruppo Volkswagen chiamata MQB, ed è disponibile con motori a benzina TFSI e Diesel TDI. Il motore dentrata è un 1.8 da 180 CV. Il 2.0 TFSI è disponibile in due versioni: una versione che produce 230 CV e 370 Nm di coppia e unaltra potenziata nella versione TTS con 310 CV e 380 Nm di coppia. È anche disponibile per la TT un 2.0 TDI che produce 184 CV e 380 Nm di coppia. I motori TFSI sono disponibili anche con la trazione integrale "quattro". Al vertice della gamma cè un 2.5 TFSI da 400 CV riservata alla TTRS.

                                     

2.1. Terza serie Restyling 2018

Nellestate del 2018, Audi ha presentato un restyling dei modelli TT e TTS.

                                     

3. Versioni speciali

Audi TT Ultra quattro Concept

Tale modello è stato dotato di un motore 2.0 TFSI a iniezione diretta dalla potenza di 310 CV e 400 Nm, con un rapporto peso-potenza di 3.6 kg per CV. Utilizzando numerose parti in carbonio e magnesio, il peso della vettura è stato contenuto fino a 1.111 kg. Gli specchietti esterni, per migliorare laerodinamica, sono stati sostituiti da telecamere che inviano le immagini direttamente sulla console centrale del cruscotto.

Audi TT Nuvolari Limited Edition

Presentata in occasione del Gran Premio di Nuvolari 2014, la TT Coupé Nuvolari Limited Edition è spinta dal motore 2000 TDI ultra da 184 CV ed è stata prodotta in 100 esemplari. La versione numerata è dotata di un equipaggiamento esclusivo, che comprende gli interni fregiati dalla tartaruga porta-fortuna di Nuvolari, la targhetta con il numero progressivo della serie, applicazioni adesive esterne e battitacco "Nuvolari".



शब्दकोश

अनुवाद